Dress Code: Moda giovane, orgogliosamente Made in Italy e capacità di reinventarsi

Aggiornato il: mar 23

Dress Code nasce verso la fine del 2007 dalla brillante idea di due fratelli romani, Andrea e Amedeo Vernaglia, che come recita la presentazione sul sito aziendale, sono da

sempre affascinati dal mondo della moda e inclini alle ultime tendenze, che quasi per “scommessa” decisero di intraprendere un’attività legata all’abbigliamento.

La loro tenacia e passione li ha portati sempre avanti e nel 2009 la prima collezione era presente già in molte boutiques italiane. Oggi Dress Code è un brand affermato, che vanta numerosi clienti in Italia e nel mondo e che si avvale di stilisti, grafici, sarte e modellisti per offrire un prodotto sempre fresco e giovane.


Nel 2020 la loro capacità imprenditoriale e tenacia è stata messa nuovamente alla prova. La pandemia li stava portando verso una crisi quasi irreversibile ma hanno saputo trasformarla in opportunità riconvertendo la produzione nella realizzazione di mascherine. Grazie a questa rapida riconversione, sono riusciti a non chiudere durante i mesi di lockdown e, di conseguenza, a non gravare sulle casse dello Stato attraverso l'utilizzo degli ammortizzatori sociali, o peggio, di tagliare posti di lavoro, al contrario, sono riusciti ad adempiere a tutti gli obblighi fiscali e contributivi previsti dalla legge e a garantire la continuità aziendale.

Dress Code prende ispirazione dallo stile dei club più di tendenza e alla moda di Londra, dove già dagli anni 70 il codice di abbigliamento cominciava a diventare sempre più

importante e l’ingresso era riservato a pochi eletti. Il “dress code” giusto era infatti il biglietto da visita per essere notati durante le esclusive notti della “city” e assicurarsi

la serata nei locali più gettonati.


Dress Code si distingue per le stampe originali e ariose che ne caratterizzano le reazioni.

Con due collezioni l’anno, affiancate da due capsule collection, Dress Code realizza tutti i suoi prodotti su territorio italiano, a partire dall’idea e dai disegni, fino alla realizzazione dei capi, garantendo così ai propri clienti la certezza di capi divertenti e pratici. I fratelli Vernaglia sono orgogliosi di offrire un prodotto esclusivamente Made in Italy, avvalendosi di professionisti quali stilisti, grafici, sarte e modellisti italiani, alimentando in questo modo l’indotto che coinvolge le piccole imprese e i fornitori locali.


Il brand di moda giovanile è attualmente distribuita in 11 regioni italiane, attraverso alcuni dei più prestigiosi showroom a livello nazionale, le sue collezioni sono presenti in circa 400 negozi e vanta inoltre presso la Coin 13 punti vendita-corner attivi in tutta Italia.

Dress Code è molto attiva sul fronte fieristico e eventi di settore, tra le diverse azioni promozionali ha partecipato nel 2014 Miss Preocious e 2016 al Modaprima 81 a Firenze.

Sui mercati internazionali è presente in Grecia, Spagna e Portogallo.



91 visualizzazioni0 commenti