top of page

A Sacrofano, una candidatura costruita su credibilità e competenza

Abbiamo chiesto a Vanda Braghetta in corsa per FdI, di raccontarsi.

“Ciao a tutti sono Vanda Braghetta, ho 59 anni e sono di Sacrofano dove da sempre risiedo e vivo con il mio compagno Massimiliano e mio figlio Edoardo di 19 anni.

Sacrofanese da generazioni, ho un forte e profondo legame con il territorio e la mia comunità. Tra i miei valori più importanti vi sono da sempre anche le mie radici, alle quali rimango saldamente ancorata.

Ho studiato flauto traverso presso il Conservatorio di Santa Cecilia di Roma e successivamente mi sono dedicata a quello che ben presto è diventato la mia professione: il terzo settore e l’associazionismo.

Da marzo di quest'anno sono componente del Consiglio Superiore dello Spettacolo per il Ministero della Cultura, nominata dal Ministro Gennaro Sangiuliano. Il Consiglio Superiore dello Spettacolo, è un organo consultivo del Ministro che svolge compiti di consulenza e supporto nell’elaborazione ed attuazione delle politiche di settore nonché nella predisposizione di indirizzi e criteri generali relativi alla destinazione delle risorse pubbliche per il sostegno alle attività dello spettacolo.

Sono presidente di CIAO LAB APS, Ente di Terzo Settore e Associazione Giovanile, costituita nel 1999 con l'obiettivo di promuovere la cultura, l'ambiente, lo sport e l'attività di volontariato sociale sia tra i giovani che tra gli adulti. L’Associazione che presiedo ha realizzato in questi anni numerosi progetti ed iniziative sul territorio di Sacrofano a favore dei ragazzi, degli studenti, delle famiglie e degli anziani attraverso fondi e finanziamenti sia del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali che della Regione Lazio, sia di Zètema che di Città Metropolitana di Roma Capitale e sia di LazioCrea.

In CIAO LAB APS ho un ruolo attivo come Project Manager, formatrice e organizzatrice di eventi. Mi occupo della ricerca e monitoraggio dei bandi pubblici di cui sono responsabile, nonché della progettazione, dell’ideazione, della stesura progetti, del monitoraggio, del valutazione e della rendicontazione.

Nel 2003 ho ricoperto la carica di Assessore alla Cultura, Spettacolo, Turismo e Politiche Sociali del Comune di Sacrofano.

Dal 2020 sono un Operatore Locale di Progetto (OLP) per il Servizio Civile Universale. Le mie competenze si possono così riassumere: responsabile della gestione degli operatori volontari, esperto del monitoraggio, valutazione dell’impatto dei progetti sul territorio, monitoraggio e verifica delle attività degli operatori volontari, monitoraggio e verifica della corretta attuazione dei progetti.

Sono inoltre Formatrice di Servizio Civile accreditata presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale.

Sono da sempre impegnata in attività di volontariato e di promozione sociale nel territorio di Sacrofano attraverso l’organizzazione e la realizzazione di eventi ed iniziative culturali. Dirigo da molti anni il coro polifonico Schola Cantorum Mario Gallotti di Sacrofano, unica realtà corale di questa cittadina.

Amo Sacrofano e riconosco appieno il valore storico, naturalistico e culturale del luogo dove sono nata. Sono certa di poter contribuire nel rendere Sacrofano un posto migliore dove vivere e sempre più attento alle esigenze della comunità. Credo infatti fortemente nel progetto e nella concretezza di un programma fatto di idee volte a rendere Sacrofano in una città moderna, accogliente, dinamica ed efficiente e superare la percezione che sia solo un comune periferico della Capitale destinato unicamente ad essere un dormitorio, mantenendo le tradizioni locali. Terra e acqua sono le caratteristiche geografiche del territorio medievale di Sacrofano, ma anche i due settori in cui l’economia dell’area può svilupparsi. Il mio impegno è di valorizzare l’intero patrimonio storico culturale di Sacrofano, perché deve diventare un posto ancora più bello e sicuro, dove vivere e costruire una famiglia, lavorare, investire e divertirsi, perché essere felici è un diritto di tutti in quanto diritto innato e inalienabile.

Onorerò il mio impegno con la massima responsabilità ed onestà, mettendo a disposizione della collettività tutte le mie energie e competenze per poter creare nuove occasioni di crescita e di sviluppo in alcuni dei settori che ho maggiormente a cuore: la cultura, l’arte, le tradizioni e le politiche giovanili, tutti elementi che rappresentano risorsa, valore, motore e anima della nostra comunità.

177 visualizzazioni

Comments


bottom of page