Spirito Libero

Da Spirito di squadra a Spirito indomito, i giochi di parole si sprecano ma la verità è che Ilaria Spirito, classe ed esperienza da vendere che da quest’anno ha messo a disposizione dell’Acqua & Sapone Roma Volley, è tra le ragioni che spiegano perché questa in corso, è una stagione che può affermarsi come cruciale nella storia del club capitolino. Ilaria gioca nelle retrovie. Parimenti ultima linea di difesa e prima a rispondere agli attacchi. Copre le spalle alle compagne, è una ma sembra moltiplicarsi. La trovi ovunque. In un battito di ciglia. Danza sul pavimento, vola in cielo, si tuffa. Col suo bagher perfetto al servizio della squadra. Facciamo il punto con lei, in quella che sembra essere a tutti gli effetti una settimana particolarmente significativa per i destini delle wolves. Dalle risposte che dà, Ilaria mi conferma l’impressione di essere come appare in partita, sicura e netta. Idee chiare e poco incline allo zero a zero.

La sconfitta col Pinerolo vi è costata la vetta della classifica della regular season a favore di Mondovì, sensazioni? È stata sicuramente una gara molto impegnativa, non giocavamo da 5 settimane e in più avevamo qualche acciacco fisico che è stato compensato con una formazione totalmente rivista. Questo sicuramente non ci ha permesso di esprimerci tutte al meglio e comunque Pinerolo ha fatto un'ottima gara.

Domani (oggi per chi legge ndr) debuttate in Coppa Italia, per te che sei tra le giocatrici di maggiore esperienza, questa sfida che sapore ha? È una partita importante esattamente come tutte le altre. Avremo l'inserimento di Decortes che finalmente potrà giocare tutte le gare da qui in avanti e che ci darà un grande aiuto sicuramente. Affronteremo una squadra con cui non abbiamo mai giocato ma l'importante sarà, come sempre, quello che succede nella nostra metà di campo.

Pensi che da atlete del tuo calibro ci si attenda qualcosa in più in questo genere di partite? Dalle atlete con più esperienza ci si aspetta sempre qualcosa in più e penso che sia giusto così. Io personalmente non sento pressioni dall'esterno e cerco sempre di aiutare in tutti i modi le mie compagne più giovani.

Domenica altro esordio: la pool promozione La pool promozione è la fase più importante di questo campionato e dovremo affrontarla con il coltello tra i denti. Giocheremo molto spesso e dovremo essere brave nella gestione di tutte le partite. Sarà un periodo molto tosto.

La tua storia con la Nazionale?

La nazionale è ovviamente il sogno di tutti quelli che fanno sport ad alto livello. Ho già avuto la fortuna di farne parte e se, un giorno, dovesse arrivare un'altra chiamata ne sarò super contenta. Per adesso mi concentro sullo sprint finale di questa stagione davvero lunga.

So che sei appassionata di calcio, ne scrivi, anche. Per quale squadra tifi e cosa pensi dell’attuale campionato italiano. Giocavi, vero, in che ruolo?

Io tifo l'Inter e sono contenta di come sta andando questo campionato. Penso che le due squadre di Milano stiano approfittando del momento difficile della Juventus che è piuttosto penalizzata dai continui infortuni e credo che fino alla fine sarà difficile prevedere chi vincerà questo scudetto. Io ho giocato a calcio per 7 anni e ricoprivo il ruolo di attaccante.


Cosa del tuo ruolo ti piace di più? L'essere responsabile di tutta la linea sia di difesa che in ricezione.


Per vincere nel gioco di squadra conta di più il legame di amicizia o la motivazione? Secondo Velasco, la seconda L'amicizia è sicuramente un aspetto molto importante negli sport di squadra ma, in generale, nella vita. Questo però non significa che possa essere messa prima della motivazione. Le motivazioni che ognuno di noi ha dentro di se sono la benzina che ti fa andare avanti soprattutto nei momenti più difficili.

Grazie, Ilaria e in bocca al lupo. Anzi, no. Sarebbe un contro senso.

(Ride. N.D.R), Grazie a te, e a tutti i nostri tifosi. Insieme vinciamo più facilmente.

80 visualizzazioni0 commenti