VOCI DAL SEN FUGGITE

Le migliori battute raccolte durante la campagna elettorale


Bruno Astorre (Pd), 15 giugno 2021: “E’ chiaro che ogni voto dato a Calenda è un voto dato alla destra. Non mi nascondo che può essere considerato uno capace e simpatico, ma ogni voto dato a lui è un voto alla destra”. Un’accusa infamante al primo turno. Poi al ballottaggio: Contrordine compagni, gli elettori di Calenda sono tutti di sinistra.


Andrea Orlando (Pd), 29 settembre 2021: “E' poco interessante discutere se Calenda sia o meno di destra, è più obiettivo riconoscere che Calenda oggi è il candidato della destra e della Lega in particolare”. Andrea Orlando spesso non sembra lucido. Ma solo in particolare.


Carlo Calenda, 20 maggio 2021: “Gualtieri si porta dietro una classe dirigente, che è quella del Pd locale. Che è parte delle ragioni del declino di Roma”. Verrebbe da dire: chi li conosce li evita. O, almeno, dovrebbe.


Carlo Calenda, 29 settembre 2021: “Le persone che controllano il vertice del Pd romano, Bettini, Astorre e Mancini, sono un problema”. Peccato siano tutti ancora insediati là, a far campagna elettorale per Gualtieri.


Carlo Calenda, 19 ottobre 2021: “In sette anni di vita politica ho ricevuto meno attacchi che nelle ultime settantadue ore da esponenti Pd e Leu. Attacchi perlopiù personali, anche da parte di gente che stimo. L’attacco politico ci può stare, quello personale è infantile e volgare”. Eh sì che da piccolo ha avuto a che fare con Franti, quello del libro Cuore.


Roberto Gualtieri sulla giunta Raggi, 15 settembre 2021: “Oggi c’è una discarica a Roma: le strade e le piazze. Roma è la discarica, la sindaca ha fatto la discarica a Roma scegliendo come luogo i quartieri della città”. Ricordarsi di chiedere opinione a Giuseppe Conte, il federatore Pd-5 Stelle.


Roberto Gualtieri, 23 maggio 2021: “L'amministrazione Raggi ha lavorato male e lo sanno tutti i cittadini romani”. Insomma, proprio tutti no, altrimenti la Raggi non avrebbe preso un considerevole 19 per cento.


Roberto Gualtieri, 10 giugno 2021: “Questa amministrazione ha fallito nel governo politico della città. Noi siamo alternativi alla giunta Raggi. Vogliamo voltare pagina”. Ma non troppo, perché i voti della Raggi ci servono.


Roberto Gualtieri, 6 ottobre 2021: “Raggi, come sempre, scarica responsabilità sugli altri per fare polemica. È andata anche in Procura non so se per denunciare la Regione o i cinghiali stessi. Raggi manda le raccomandate, ma non si fa così”. Giusto. Meglio raccomandarsi agli elettori che l’hanno votata. Gualtieri in versione particolarmente ispida. Come le setole dei cinghiali.


Carlo Calenda sul Pd, 27 settembre 2021: “Non esponete mai ragioni di merito per votarvi. Solo argomenti pretestuosi per non votare gli altri”. Questa avrebbe potuto dirla anche Enrico Michetti… Ma allora è vero che Calenda dice cose di destra!


Carlo Calenda sul voto al ballottaggio, 6 ottobre 2021: “Michetti è stato votato da tantissime persone, il suo problema non è che sia neofascista - penso sia democristiano - ma il problema di Michetti è che è totalmente incapace”. Come è che diceva… Ah già, la sinistra utilizza argomenti pretestuosi per non votare gli altri. Contrordine compagni, anche Calenda è di sinistra, corrente Parioli-Pinciano.


24 visualizzazioni0 commenti