I meloni di Giorgia

Aggiornamento: 26 ott

Giorgia Meloni oggi è un po’ più premier di ieri.

La mossa del cavallo con cui ha messo nell’angolo Berlusconi non solo è da manuale di pragmatismo politico ma mostra una saldezza di nervi e una schiena retta che ora è plasticamente evidente a tutti. Le frasi chiave:“ un conto è l’opposizione, un conto il governo”, “facile fare la voce grossa in astratto ma poi vediamo come se la cava con la politica reale”. Già, vediamolo. Licia Ronzulli, no! Senza se e senza ma. Il messaggio è forte e chiaro, se FI si sfila il governo si vara comunque. Ma FI può sfilarsi? Ci sono almeno quindici ragioni per le quali non lo farà. Quindici come le regioni che amministrano insieme. Oppure si sfili. Sia Fi che Lega, forti degli accordi locali hanno preso parte ai governi più diversi, FdI non farebbe che seguirne il solco. Meloni fa rima con molte cose, una in senso figurato ha a che fare coi caratteri tosti e determinati…

72 visualizzazioni0 commenti