Il grande libro del derby di Roma

Aggiornamento: 29 mar

“Alla fine non sarà mai una partita come le altre”. Avversari sul campo ma amici nella vita normale Francesco Totti ed Alessandro Nesta per anni hanno rappresentato la vera essenza del derby che domenica 20 marzo vedrà Lazio e Roma sfidarsi nell'edizione numero 158 in campionato. Quella delle stracittadine romane è una lunghissima storia con tanti aneddoti che “Il grande libro del derby di Roma”, scritto da Fabio Argentini e Luigi Panella, racconta con dovizia di particolari come nessuno aveva mai fatto fino ad oggi, in un testo che si può considerare una vera e propria enciclopedia delle stracittadine romane.


Ad impreziosire il testo, le prefazioni di Nesta e Totti. “Con la Lazio ci sono cresciuto”, spiega Nesta. “Tanti anni con quella maglia indosso. Del derby ho ricordi belli e anche brutti: perché le battaglie in campo sono un po’ lo specchio della vita, si vince e si perde”.

A fargli eco le parole di Francesco Totti: “Dei miei derby da calciatore conservo tante fotografie, una l’ho perfino scattata con il cellulare dopo un gol. Negli anni ho imparato che il derby è una roulette e non conosce regole: vive sui nervi e sugli episodi”.


Un’opera di quasi trecento pagine, edita da Ultra, che racconta oltre novant’anni di battaglie tra Roma e Lazio. Una storia incredibile che si dipana attraverso immagini di straordinaria suggestione, raccontando ogni dettaglio di una sfida che non si ferma certo alla domenica, ma mette a confronto due tifoserie che condividono lo stesso territorio pur essendo tra loro così diverse.

In questo libro c’è tutto: emozioni e partite (tutti i tabellini), identità e avventure da raccontare, calciatori e stadi. Trecento pagine di racconti, foto inedite, aneddoti, storie: un'esperienza inedita, un viaggio irripetibile verso il cuore della Capitale.

Il libro, che riporta la cronaca di tutti i derby giocati fino ai giorni nostri, delinea anche le tipicità, l’identità e le diverse storie di Roma e Lazio e delle tifoserie, così diverse pur condividendo lo stesso territorio.

E approfondisce la storia delle maglie, dei colori, degli stemmi sociali e di tutti gli aspetti che caratterizzano le società romane.

Non mancando di raccontare gli altri principali derby che si giocano in Italia, in Europa e nel Mondo. E quando Roma, prima del 1927 data di fondazione della società giallorossa, era come Londra e, a battersi per il primato cittadino, c’erano decine di squadre.

Il libro, frutto di un lavoro di squadra, è arricchito dall’introduzione di un giornalista di lungo corso, Italo Cucci che nella sua carriera ha raccontato tanti derby.

15 visualizzazioni0 commenti