top of page

Sul set di Bob & Weave con Alessandro Benvenuti. Intervista esclusiva

Aggiornamento: 9 ago 2023

Attore, autore e regista è sulla scena da quasi mezzo secolo, diviso con perfetta simmetria tra cinema, televisione (I delitti del Barlume), e teatro. Spazio espressivo che lo vede impegnato  in veste di interprete, autore e regista nonché di  direttore artistico del Teatro di  Tor Bella Monaca.

L’esordio alla regia cinematografica risale a ben 43 anni fa, con A Ovest di Paperino, che gli valse il Nastro d’Argento, in cui porta sul grande schermo i suo compagni di giochi, i  Giancattivi, il trio più surreale e corrosivo  del cabaret italiano composto da Atina Cenci, lui stesso e quel fuoriclasse di Francesco Nuti, la cui fiamma ha bruciato al doppio della velocità. Quella dell’attore e regista toscano ma ormai romano d’adozione è una carriera cinematografica puntellata da tante gemme. Brilla nel cast sontuoso di Compagni di scuola, con la caratterizzazione maiuscola del beffardo Santolamazza, è tra le “spine” del drammatico Soldati, 365 giorni all’alba, firma con largo consenso di cinema e pubblico, Benvenuti in Casa Gori e il sequel, Ritorno a Casa Gori (che fu l’occasione per la prima intervista concessa allo scrivente N.d.r.), e provoca con Belle al bar, che dice” lo avevo proposto un anno prima del film di Jordan, non me lo avevano neppure bocciato, era proprio escluso, poi uscì La Moglie del Soldato e grazie al suo successo, riuscii a girarlo. In Italia non ci piace rischiare, ma il cinema è rischio”. Impostosi come attore e autore comico, ha saputo evolversi in tutte le direzioni e registri, animato da quella curiosità animalesca che si percepisce sul set di Bob & Weave, il cortometraggio diretto da Adelmo Togliani e scritto da Gianni Quinto, e promosso da Ciaolab e Opes di cui è protagonista assieme a Bianca Guaccero e Simone Casanica, che tratta il tema dello sport come antidoto al bullismo, a cui ha preso parte il campione di Boxe, Emanuele Blandamura e la giovanissima promessa del Karate, Roberto Manieri, per la prima volta sullo schermo.


Benvenuti, che ha un cognome leggendario nella storia della Nobile Arte, interpreta Gino, un ex pugile che lavora in una palestra di periferia, di quelle in cui ci si allena e basta, rispettando allenatore e atleti, e qui farà la conoscenza di Gabriele, Simone Casanica, un bullo che deve scontare una penaalternativa. L’anziano ed esperto di Pugilato e di vita, Gino lo accompagnerà in un percorso di riscatto.  

Durante una pausa sul set, incontriamo Alessandro Benvenuti per un’intervista in due parti, in cui ripercorre carriera, ci descrive il suo rapporto con Roma e i romani, lo sport e il suo ruolo in Bob &Weave.


57 visualizzazioni

Comments


bottom of page