Riflessioni eretiche sulla pandemia

Aggiornamento: 15 set

L’attualità ci impone di ritornare alle nostre riflessioni eretiche, già perché, è notizia di oggi, che uno studio dell’istituto Mario Negri svela (cosa che ormai sapevano un po’ tutti) che con l’uso dei famosi FANS (antiinfiammatori non steroidei) si diminuiscono le ospedalizzazioni, e quindi i morti, del 90%.


E quindi? Dov’è finita tachipirina e vigile attesa? Già perché questo studio ci dice anche che il paracetamolo (appunto la Tachipirina), non solo è inutile, in quanto priva di proprietà antiinfiammatorie, ma persino dannosa, perché abbassa i livelli di glutatione, un potente antiossidante naturale indebolendo così quelle difese immunitarie necessarie per combattere il virus.

Chi vi scrive, non riesce proprio ad essere contenta per questa nuova grande scoperta, sapete perché? Perché questa scoperta non è nuova, anzi è stantia!

È ormai almeno un anno che i medici prescrivono ai positivi, Ibuprofene (antinfiammatorio) integratori con lattoferrina e se la febbre continua azitromicina (antibiotico) sì perché lo sanno pure i bambini che i virus non si curano con gli antibiotici, ma gli stessi bambini sanno che quando hai l’influenza, se non guarisce in 2 o 3 giorni ogni medico ti segna l’antibiotico, perché si possono sviluppare infezioni batteriche collaterali.

La cosa è talmente nota che è diventato difficilissimo trovare questi farmaci (a proposito fatevi furbi cercate la molecola non il nome commerciale), i produttori non si aspettavano un consumo così alto in estate e non ce la fanno a stare dietro alle richieste.


E allora perché? perché quelli delle cure domiciliari che venivano trattati come stregoni? Ippocrate.org? perché chiunque dicesse che bisognava curare il covid immediatamente veniva messo all’indice, ridicolizzato da pensatori come Klaus Davi e Alessandro Cecchi Paone? ho sentito con le mie orecchie il professor Rasi dire che il paracetamolo aveva proprietà antiinfiammatorie!! Ho sentito a zona Bianca dare dei “ciarlatani” ai medici che curavano i pazienti per telefono, ma Santiddio Brindisi come credi che curino i medici di base in Italia? Non ti fanno una vista manco se li supplichi per non parlare di una visita domiciliare te la sogni anche se sei morente! Ti chiamano, se sei fortunato, ti chiedono i sintomi e ti fanno la ricetta, al limite la richiesta per uno specialista; questo avviene normalmente, con il covid poi, gli era stato proprio impedito di vistare i pazienti, i medici delle cure domiciliari, appunto, sono stati sanzionati proprio per questo; le app dove i pazienti mandavano ad intervalli regolari saturazione, temperatura ecc sono state bloccate alla faccia della tanto sbandierata telemedicina che salverà il mondo, e tu gli dai dei ciarlatani???

Chi pagherà per tutti quei morti che si sarebbero potuti evitare???

Mi dispiace non regge nemmeno più la scusa del “era l’inizio non si sapeva nulla di questa malattia” perché queste cure erano state approvate molto tempo fa ma il ministro della salute aveva fatto ricorso addirittura al consiglio di Stato (il presidente è Franco Frattini certi nomi, come i grandi amori, fanno dei giri immensi poi ritornano), per impedirle!


La nemesi di un popolo, che tutti vogliono disperato, sta in un ministro della salute di nome Speranza! Come mai quest’uomo macilento ha impegnato tutto il suo (scarso) vigore per impedire delle cure? Adducendo motivazioni come “non abbiamo abbastanza documentazione scientifica” parlando di molecole usate da secoli, ma invitando tutti, forte della sua laurea in scienze politiche, ad inocularsi una sostanza studiata pochi mesi?

A pensar male si fa peccato ma… i vaccini a MRNA sono stati approvati in via emergenziale, una delle motivazioni per ottenere questo tipo di approvazione, è che siano l’unica cura possibile… et voilà, spiegato l’arcano se ci fossero state le cure i vaccini, che ricordiamolo, sono sperimentali (il trial finisce nel 2023) non si sarebbero potuti usare, ne tantomeno imporre!

Tralasciamo il fatto che questi così detti vaccini si sono rivelati inutili, tralasciamo che uno studio norvegese sentenzia che con 3 dosi non solo ti infetti più facilmente ma che hai anche dei sintomi in più rispetto ai non vaccinati, tralasciamo la valanga di effetti collaterali che non riescono nemmeno più a nascondere, a proposito avete notato le pubblicità per il vaccino contro il fuoco di sant’Antonio? Questa malattia è generata da un virus, L’herpes, dormiente in molti di noi, che può essere slatentizzata dal vaccino covid, e che fanno? Ti fanno un altro vaccino… che al mercato mio padre comprò! Tralasciamo comunque tutto, ma i morti? I morti quelli non possiamo tralasciarli!


La giustizia italiana è stata in questi anni impegnata ad inquisire personale sanitario e professori no vax, Matteo Salvini e stato indagato per aver impedito l’approdo in un porto ad una nave piena di migranti cagionando agli stessi problemi psicofisici; ci sarà pure qualcuno che vorrà indagare il ministro della Salute!

Seppure Fratelli d’Italia è stata la prima a chiedere una commissione di inchiesta sui morti covid, ormai la chiedono a gran voce tutti gli schieramenti, ma non può bastare, quest’uomo ha IMPEDITO CURE CHE AVREBBERO POTUTO SALVARE MOLTE VITE, ha un bel da fare Crisanti a dire che con Salvini e Meloni ci sarebbero stati il doppio dei morti, ci calcoli, lui che è così bravo, quanti sono i morti causati dalle cure impedite dal nostro sbiadito ministro, e magari già che c’è ci dica pure se la sua candidatura col PD non renderà un po’ meno efficace la sua perizia sul processo per i morti di Bergamo, dove gli esponenti del partito per cui si candida, e di cui dice di avere la tessera da anni, sono i possibili responsabili.


Insomma “ci sarà pure un giudice a Berlino!” Lo sapete perché si usa questa espressione? la frase viene attribuita a Bertolt Brecht. Si dice che sia tratta da un suo racconto, ma nessuno cita il titolo del componimento La storia è laseguente. A Potsdam, vicino Berlino, l'imperatore Federico II di Prussia voleva espropriare il mulino di un mugnaio per abbatterlo. Si trattava chiaramente di un abuso in quanto il mulino danneggiava il panorama del suo nuovo castello di Sans Souci. Pur di averla vinta, l'imperatore non esitò a corrompere tutti i giudici e tutti gli avvocati a cui il mugnaio si rivolgeva. Con grande tenacia, il mugnaio riuscì a trovare un giudice onesto che lo aiutò a vincere la causa.

Ecco, auguro la perseveranza, o come si dice a Roma, la Tigna, del mugnaio di Postdam, a chiunque abbia a cuore la verità e la giustizia.


54 visualizzazioni0 commenti